ORDINE EQUESTRE
DEL SANTO SEPOLCRO
DI GERUSALEMME
LUOGOTENENZA
PER L'ITALIA
SETTENTRIONALE
"Deus lo vult"
Vai ai contenuti

Menu principale:

Cenni storici

L'Ordine

CENNI  STORICI
SULL'ORDINE EQUESTRE
DEL SANTO SEPOLCRO DI GERUSALEMME



Il Sepolcro dove Nostro Signore Gesu’ Cristo giacque è, per la Nostra Religione, tra i luoghi sacri il più Sacro. Sicuramente dopo la Resurrezione di Nostro Signore vi furono, sin da subito, dei cristiani, come i Rabdophores o i Frageliti, che si assunsero il compito di degnamente custodire e venerare tale luogo in forma più o meno organizzata; come Sant’Elena, madre dell’imperatore Costantino, nell’opera di  costruzione della Basilica del Santo Sepolcro, ed a seguire come l’Imperatore Carlo Magno  con la restaurazione della Basilica, provvidero contestualmente anche alla sua custodia. Ed ancora, molto prima delle Crociate, come i vari pellegrini che elargirono donazioni al Santo Sepolcro e che vennero creati Cavalieri sul Santo Sepolcro i quali provvidero alla sua custodia. Pur tuttavia non si possono considerare, tutti questi, come appartenenti ad un ordine equestre mancando di quegli elementi basilari per così definire le loro organizzazioni ma sono senza dubbio degli antesignani cui idealmente è lecito collegarsi.

La nascita dell’Ordine è da datare alla Prima Crociata, allorquando presa Gerusalemme il 15 Luglio 1099, Goffredo di Buglione, come riferiscono i Cronisti del periodo (Gugliemo di Tiro, Alberto d’Aix,Ernoul, Giacomo di Vitry) scelse un drappello di Cavalieri cui affidò la Custodia del Santo Sepolcro e li associò ai Canonici del Santo Sepolcro  sia Canonici secolari sia Canonici regolari sotto la guida di Gherardo da Schaffusa eletto Abate a Capo dell’appena costituito Capitolo del Santo Sepolcro, e li pose all’obbedienza del Patriarca di Gerusalemme.  Nel 1114 divennero un Ordine con solo Canonici regolari e con i Cavalieri associati come Fratres  e nel 1122 furono approvati con Bolla dal Papa Callisto II. Nel 1103 Baldovino I si pose a Capo dei Cavalieri del Santo Sepolcro che divennero la sua Guardia e scorta del Legno della Santa Croce in battaglia, inoltre sancì la prerogativa per se e per i suoi successori di creare nuovi Cavalieri, dandone anche facoltà al Patriarca di Gerusalemme  in caso di assenza del Sovrano . L’Ordine seguì quindi tutte le peripezie del Regno Latino di Gerusalemme. Con la perdita della Terra Santa e quindi con il ritorno delle varie componenti della Sacra Milizia ai paesi di origine ove questi diedero nuovo impulso ai Priorati dell’Ordine che nel frattempo in varie parti d’Europa erano sorti con i lasciti e le donazioni varie a favore del Santo Sepolcro sotto la giurisdizione di Nobili o Prelati locali appartenenti all’Ordine stesso.

Nel 1333 i Reali di Napoli acquistarono dal Sultano d’Egitto la proprietà degli Edifici Sacri del Monte Sion che donarono ai Francescani i quali nel frattempo avevano costituito in seno al loro Ordine la Custodia di Terra Santa. Tutto ciò fu approvato dalla Santa Sede con due Bolle Papali di Clemente VI. Così il Custode di Terra Santa divenne l’unico rappresentante della Chiesa Latina e venne ad ereditare tutte le facoltà che prima deteneva il Patriarca Latino di Gerusalemme e tra queste la facoltà di creare Cavalieri del Santo Sepolcro. Questa situazione non mutò fino al 1847 allorquando  Sua Santità Pio IX ricostituì il Patriarcato Latino di Gerusalemme e diede quindi un ordinamento moderno all’ Ordine ponendolo sotto la reggenza del Patriarca Latino di Gerusalemme e, come Istituzione, sotto la protezione della Santa Sede. Promulgò nuovi statuti  e stabilì in aggiunta all’impegno spirituale di Propagazione della Fede, il compito principale di provvedere al mantenimento delle strutture e delle opere ed iniziative della Chiesa Cattolica  di Terra Santa e del Patriarcato Latino di Gerusalemme. Nel 1888 Papa Leone X ammise, o meglio riammise, in seno  all’Ordine le Dame, ricordando la loro presenza già alle Origini dell’Ordine. Nel 1907 Papa Pio X assunse direttamente il Gran Magistero dell’Ordine e nel 1928 Papa Pio XI lo restituì al Patriarca Latino di Gerusalemme ma nel 1949 Pio XII stabilì che il Gran Maestro fosse un Cardinale di Santa Romana Chiesa ed assegnò la prerogativa di Gran Priore al Patriarca Latino di Gerusalemme. Giovanni XXIII nel 1962 e Paolo VI nel 1967 diedero nuovi statuti. Nel 1967 venne costituita jn Milano la Luogotenenza per l’Italia Settentrionale. Nel 1996 Sua Santità Giovanni Paolo II ha attribuito all’Ordine la personalità giuridica di Ente Canonico dello Stato della Città del Vaticano, elevando così la dignità dell’Ordine.

(Gr.Uff. Prof. Antonio Orazio Nicodemo Millesoli)


Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme - Luogotenenza per l'Italia Settentrionale - Via San Barnaba, 46 20122 Milano - tel. 0255182476 - C. F. 80097550158
Torna ai contenuti | Torna al menu